IN EVIDENZA
Print Friendly, PDF & Email
01.11.1998 - rifiuti

RIFIUTI – ATTIVITA’ DI RECUPERO – NUOVI SCHEMI DI COMUNICAZIONE DA INVIARE ALLA PROVINCIA

RIFIUTI – ATTIVITA’ DI RECUPERO – NUOVI SCHEMI DI COMUNICAZIONE DA INVIARE ALLA PROVINCIA RIFIUTI – ATTIVITA’ DI RECUPERO – NUOVI SCHEMI DI COMUNICAZIONE DA INVIARE ALLA PROVINCIA
LA Regione Lombardia con Decreto 8/7/98, n.3590, ha approvato il nuovo schema di comunicazione di inizio/prosecuzione di attività di recupero ai sensi dell’art.33 del D.lgs. 22/97.
Oltre allo schema sono stati approvati anche i contenuti della relazione tecnica da allegare a tale comunicazione.
Si ricorda che la sudddetta comunicazione è obbligatoria per chiunque intenda svolgere una qualsiasi attività di recupero.

D.D.G. 8 LUGLIO 1998 – N. 3590 Direzione Generale Tutela Ambientale: “Approvazione dello schema di comunicazione e dei contenuti della relazione da allegare a tale comunicazione relativa ad inizio/prosecuzione di attività di recupero ai sensi dell’art. 33, comma 1 e art. 57, comma 5/6 del d.lgs. 5 febbraio 1997, n. 22, modificato ed integrato con d.lgs. 8 novembre 1997, n. 389

Il Direttore generale
della tutela ambientale

Visti:

– il d.lgs. 5 febbraio 1997, n. 22, così come modificato con d.lgs. 8 novembre 1997, n.389;
– la I.r. 7 giugno 1980, n. 94 e successive modifiche ed integrazioni;
– la l.r. 16 agosto 1994, n. 21;
– il r.r. 9 gennaio 1982, n. 3 e successive modifiche ed integrazioni;
– il d.m. 5 febbraio 1998;
Richiamato l’art. 19, comma 1, lettera m) del d.lgs. 22/97;
Ritenuto di uniformare lo schema di raccolta dei dati previsti dall’art. 33 del d.lgs. 22/97, attraverso l’utilizzo di apposita modulistica da compilare per la comunicazione di inizio/prosecuzione di attività sottoposte a procedura semplificata ex artt. 33 e 57 del d.lgs. 22/97;

Preso atto che:

– il servizio rifiuti e residui recuperabili ha predisposto lo schema di comunicazione relativa ad inizio / prosecuzione di attività sottoposte a procedura semplificata ex artt. 33 e 57 del d.lgs. 22/97 ed i contenuti della relazione da allegare alla stessa;
– il comitato tecnico, ex art. 17 della l.r. 94/1980, nelle sedute del 12 maggio 1998 e 16 giugno 1998, ha esaminato ed ha espresso parere favorevole in merito alla bozza di comunicazione relativa alla procedura semplificata ex artt. 33 e 57 del d.lgs. 22/97 ed ai contenuti della relazione da allegare alla stessa;
– presso la sede regionale, nel giorno 15 maggio 1998 si è tenuto un incontro con le amministrazioni provinciali, finalizzato alla definizione della comunicazione di cui sopra;
Ritenuto di disporre l’approvazione dello schema di comunicazione ed i contenuti della relazione da allegare alla stessa per inizio/prosecuzione di attività di recupero ai sensi dell’art.33, comma 1, e art.57, comma 5/6, del d.lgs. 5 febbraio 1997, n.22;
Visto il decreto del direttore generale per la tutela ambientale 23 ottobre 1997, n. 4600, “Delega di firma al dirigente del servizio rifiuti e residui recuperabili di provvedimenti ed atti di competenza del direttore generale ing. Luigi Mille”,
Dato atto che il presente provvedimento non è soggetto a controllo ai sensi dell’art. 17, comma 32, legge n. 127 del 15 maggio 1997;

Decreta

1) di approvare l’allegato schema di comunicazione ed i contenuti della relazione da allegare alla stessa per inizio/prosecuzione di attività di recupero ai sensi dell’art. 33, comma 1, e art. 57, comma 5/6, del d.lgs. 5 febbraio 1997, n. 22, che costituisce parte integrante del presente atto;
2) di disporre che le prescrizioni suddette si applichino alle istanze avanzate ai competenti uffici successivamente alla data di pubblicazione del presente decreto sul Bollettino Ufficiale della regione Lombardia;
3) di far salve le comunicazioni già presentate alle province competenti;
4) di disporre la notifica del presente atto a tutte le amministrazioni provinciali della Lombardia;
5) di disporre la pubblicazione integrale del presente atto sul Bollettino Ufficiale della Regione Lombardia.


ANCE Brescia - Riproduzione e utilizzazione riservata ai sensi dell’art. 65 della Legge n. 633/1941