IN EVIDENZA
Print Friendly, PDF & Email
23.04.2008 - qualificazione

QUALIFICAZIONE – CIRCOLARE 2169 DEL 28 FEBBRAIO 2008 – CHIARIMENTI IN MERITO ALLA VERIFICA DEI CERTIFICATI DI IDONEITA’ TECNICA

QUALIFICAZIONE – CIRCOLARE 2169 DEL 28 FEBBRAIO 2008 – CHIARIMENTI IN MERITO ALLA VERIFICA DEI CERTIFICATI DI IDONEITA’ TECNICA


Il Ministero delle infrastrutture, con la  circolare 28 febbraio 2008, n. 2169, previa intesa con l’Autorità  per  la  vigilanza  sui  contratti pubblici  di lavori, servizi e forniture, ritiene opportuno chiarire alcuni punti del proprio decreto 21 dicembre 2007, n. 272,  concernente  il ‘’Regolamento recante norme per l’individuazione  dei  criteri, modalità e procedure per la verifica dei  certificati  dei  lavori  pubblici e delle fatture utilizzati ai fini  delle  attestazioni rilasciate dalle SOA dal 1° marzo 2000 alla data  di entrata in vigore del decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163 (1° luglio 2006)”.
La circolare ministeriale fornisce, in particolare, precisazioni sui  tempi  che le SOA devono rispettare per  la trasmissione  dei  dati  relativi  ai  certificati  di lavori ed alle fatture utilizzati per il rilascio delle attestazioni e sulla durata della verifica straordinaria delle attestazioni stesse.  
La circolare chiarisce che la  revisione straordinaria dei certificati sarà fatta con gradualità, consentendo di scaglionare il monitoraggio attraverso il sistema dei “periodi di tempo omogenei”. Quindi le verifiche si concentreranno sui certificati legati alle attestazioni emesse in un determinato anno.
Sulla durata di detta verifica, è importante richiamare l’attenzione delle imprese qualificate SOA sulla precisazione fornita da detto Ministero, con la circolare in esame: sebbene  le  attestazioni SOA abbiano  efficacia  quinquennale,  l’articolo 253, comma  21,  del D. lgs. n. 163/2006 non limita  la  verifica alle attestazioni ancora valide, ma la estende a tutte quelle  rilasciate  nel  periodo compreso tra il 1° marzo 2000 ed il 1° luglio 2006, e dunque anche a quelle  non più efficaci al momento in cui la verifica straordinaria ha inizio (articolo 1 del D.M. 272/2007).

Si pubblica di seguito il testo della circolare in parola.

Circolare Ministero delle infrastrutture  n. 2169 DEL 28/02/2008
Decreto 21 dicembre 2007, n. 272. – Regolamento recante norme per l’individuazione dei criteri, modalità e procedure per la verifica dei certificati dei lavori pubblici e delle fatture utilizzati ai fini delle attestazioni rilasciate dalle SOA dal 1° marzo 2000 alla data di entrata in vigore del decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163 (1° luglio 2006)
(G.U. 19/3/2008 n. 67)

A seguito della pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale n. 35 dell’11 febbraio 2008, del decreto ministeriale 21 dicembre 2007 n. 272, concernente l’oggetto, si ritiene opportuno, previa intesa con l’Autorità per la vigilanza sui contratti di lavori, servizi e forniture, fornire alcuni chiarimenti con riferimento alla durata della verifica straordinaria ed al limite temporale per la trasmissione dei dati relativi ai certificati di lavori ed alle fatture utilizzati per il rilascio delle attestazioni SOA.
Al riguardo, la disposizione contenuta nel comma 2, dell’art. 2 del predetto decreto prevede che: “Entro sessanta giorni dalla comunicazione di cui al comma 1, le SOA trasmettono all’Osservatorio presso l’Autorità, di seguito denominato “Osservatorio”, i dati previsti dall’art. 4, comma 1, relativi ai certificati ed alle fatture di cui all’art. 1, utilizzando i predetti modelli informatici di comunicazione.” Il mancato rispetto del termine di sessanta giorni può comportare l’applicazione delle sanzioni previste dall’art. 3.
Preliminarmente va precisato che, sebbene le attestazioni SOA abbiano efficacia quinquennale, la disposizione legislativa (art. 253, comma 21, del decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163) non limita la verifica alle attestazioni vigenti, ma la estende a tutte quelle rilasciate nel periodo dal 1° marzo 2000 al 1° luglio 2006 (data quest’ultima di entrata in vigore del codice), e dunque anche a quelle non piu’ efficaci al momento in cui la verifica straordinaria ha inizio. A tale previsione si conforma l’art. 1 del decreto ministeriale 21 dicembre 2007, n. 272.
Quanto al dies a quo di decorrenza del termine di sessanta giorni previsto dall’art. 2, comma 2, per la comunicazione dei dati da parte delle SOA, esso coincide con la trasmissione dei modelli informatici da parte dell’Autorità di vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture. Detta trasmissione avverrà, nel rispetto del principio della simultaneità per tutte le SOA destinatarie, per periodi di tempo omogenei, che l’autorità, di volta in volta, individuerà, anche alla luce dell’esperienza operativa dell’andamento della verifica straordinaria e delle eventualità criticità segnalate dai soggetti chiamati a confermare i dati relativi ai certificati di lavori ed alle fatture. Su tale via, se l’autorità di vigilanza trasmetterà, ai sensi dell’art. 2, comma 1, il modello informatico relativo alle attestazioni rilasciate nel corso dell’anno 2005, le SOA, entro sessanta giorni, dovranno trasmettere all’osservatorio i certificati e le fatture relativi a quella annualità.
Questo consentirà anche di programmare e scaglionare, nel rispetto dei principi di buon andamento, efficacia ed efficienza, l’attività di tutti i soggetti coinvolti dalla verifica straordinaria di cui all’art. 253, comma 21, del decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163.

Roma, 28 febbraio 2008

Il Ministro: Di Pietro


ANCE Brescia - Riproduzione e utilizzazione riservata ai sensi dell’art. 65 della Legge n. 633/1941