Print Friendly, PDF & Email
23.07.2013 - lavori pubblici

CONVERSIONE IN LEGGE DEL DECRETO PAGAMENTI- L’ACCERTAMENTO DELLA REGOLARITA’ CONTRIBUTIVA E’ EFFETTUATO CON RIFERIMENTO ALLA DATA DI EMISSIONE DELLA FATTURA

È stata pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n.132 del 7 giugno 2013, la Legge 6 giugno 2013, n. 64, di conversione con modificazioni del Decreto-Legge 8 aprile 2013, n. 35, recante “Disposizioni urgenti per il pagamento dei debiti scaduti della pubblica amministrazione, per il riequilibrio finanziario degli enti territoriali, nonché’ in materia di versamento di tributi degli enti locali. Disposizioni per il rinnovo del Consiglio di presidenza della giustizia tributaria”. La legge è entrata in vigore lo scorso 8 giugno, giorno successivo alla sua pubblicazione.

Il testo della Legge, che ha modificato il Decreto n. 35/2013, c.d. “Decreto pagamenti”, contiene numerose disposizioni volte a rendere efficaci le procedure di pagamento dei debiti che le amministrazioni vantano nei confronti delle imprese.

Per ciò che concerne il settore dei lavori pubblici, si segnala che il Decreto in questione, come modificato dalla Legge di conversione, contiene un’importante previsione in tema di l’accertamento della regolarità contributiva al fine del pagamento.

Anche a seguito dei numerosi interventi di Ance, è stata inserita al comma 11-ter dell’art. 6 la previsione secondo la quale, ai fini dei pagamenti dei debiti della pubblica amministrazione di cui al capo I della stessa legge, l’accertamento della regolarità contributiva è effettuato con riferimento alla data di emissione della fattura o richiesta equivalente di pagamento. Qualora tale accertamento evidenzi una inadempienza contributiva, si applicano le disposizioni dell’art. 4 del regolamento di cui al D.P.R. 207/2010 che prevede l’intervento sostitutivo della stazione appaltante in caso di inadempienza contributiva dell’esecutore e del subappaltatore. Tale previsione pone fine all’annoso problema riguardante l’impropria richiesta di regolarità contributiva alle imprese al momento del pagamento da parte della P.A. effettuato anche dopo un lungo lasso di tempo rispetto al momento della maturazione del credito stesso quando, purtroppo, proprio a causa dei ritardi della pubblica amministrazione, spesso accade che le imprese, allora regolari, siano divenute irregolari.

La previsione ha, comunque, ribadito l’operatività dell’intervento sostitutivo della stazione appaltante nel caso in cui sia accertata l’irregolarità contributiva delle imprese.


ANCE Brescia - Riproduzione e utilizzazione riservata ai sensi dell’art. 65 della Legge n. 633/1941